04.10.2018 LUDOVICA

LUDOVICAAAA CERCASI CASA

N.B.: per tutti coloro che partono per l’Erasmus e hanno la fortuna di poter vivere in residenze universitarie (a poco prezzo), questo articolo non fa per voi. Se invece vi trovate nella condizione di dovervi cercare una casa da soli, date un’occhiata qua sotto.

Se andate in Spagna difficilmente ci saranno delle residenze universitarie o per ragazzi Erasmus collegate all’Università, o, in caso, saranno private, carissime e in zone lontane dal centro, perciò bisogna “fare da sé”, cercarsi una stanza in un appartamento condiviso.
È un argomento che mette molta ansia, soprattutto per le persone che, come me, non hanno mai cercato una casa, se non per le vacanze: non si sa come comportarsi: “la cerco già dall’Italia? Fisso appuntamenti? Vado in ostello i primi giorni? E se la fisso e poi cade a pezzi? Ma forse è meglio così che stare per non so quanti giorni senza un tetto sulla testa? E i coinquilini? Come faccio a sceglierli?” Tutti pensieri che in un modo o nell’altro vengono accantonati per pigrizia (mah sì, c’è tempo). Nel mio caso l’ansia di cercare casa era proporzionale alla paura di affrontare il discorso, aggiungendo la tensione dovuta alla mia vicina laurea e al bisogno innato di procrastinare qualsiasi cosa di una certa importanza.
Comunque io decisi di fissare degli appuntamenti dall’Italia sentendo alcuni proprietari rintracciati per siti internet e di soggiornare le prime due notti (superottimista) in un ostello.

Importante è sapere da dove cominciare:
– Contattare ragazzi Erasmus o conoscenti che già si trovano nella città dove dovreste andare a vivere: potrebbero darvi numeri di telefono, contatti e consigliarvi le zone migliori e più comode
– Consultare i siti internet: idealista, easypiso, milanuncios, pisocompartido
– Iscriversi a tutti, TUTTI (non vi preoccupate, dopo un po’ diventerà automatico, come un bisogno primario) i gruppi facebook.
Per quanto mi riguarda, posso dire che è molto meglio cercare casa una volta che si è nella città: per esempio, mentre su google maps le distanze sembrano kilometriche, dal “vivo” sono meno lunghe, e potreste cercare casa in zone che non avreste mai considerato. Inoltre “conoscere” i coinquilini, valutare direttamente la casa e non attraverso delle foto è sicuramente più sicuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...