12.11.18 LA STORIA

Milano, ore 11.

– Siamo ufficialmente online!

– Ancora non ci posso credere… Finalmente!

– Già, ma ci credete? Oh! E magari potremmo scrivere anche un libro prima o poi…

-Un passo alla volta, Iride, un passo alla volta.

-Posso almeno dire… Grazie Emilia! Anzi, in alto le tazze ladies! Un brindisi a noi.

-E un brindisi alla scrittura!

La gioia quando è incontenibile sprigiona particelle invisibili ad occhio nudo ma percepibili a cuore aperto. La si osserva negli occhi, nelle mani, nella bocca. Tutti i movimenti diventano d’un tratto più armoniosi, sinuosi. Fluttua in aria una risata, a volte due, a volte cento. Le ragazze stanno vivendo un turbinio di emozioni e non posso fare a meno di pensare a quanto sia fortunato ad essere qui, ad osservarle. Rido, piango, sussurro un arrivederci, un addio, un buongiorno, un ti voglio bene con loro. Le osservo cadere e rialzarsi.

-OH no! Avete già iniziato!

– scusaci B. Ma Margherita inizia fra poco il turno in biblioteca…

– Ma dove sei stata? Sembri appena tornata da un rave party!

-Ehm… Ero da Marco, ho passato la notte lì… Anzi, non è che qualcuno avrebbe una maglietta da prestarmi?

-Fortuna che penso sempre a tutto. – risponde Emilia, allungando la mano sotto il bancone e prendendo un borsone marroncino.

-Ragazze, vi presento la borsa delle emergenze!

– Posso dirtelo? GRAZIE DI ESISTERE.

-Quiiindiiiii bando alle ciance… Con pollo moro va alla grande… O sbaglio?

Bianca impallidisce, poi avvampa.

-Oh, sì… Usciamo ancora da poco ma… No vabbè è troppo presto.

-Dai dicci!

-Ok, ok! Penso che sia lui.

-Lui chi? – risponde Iride voltandosi.

-Ma sì… Lui! L’anima gemella.

-Amooorreee che bello che ancora ci credi!

-Violet, smettila di fare la cinica – sogghigna Ludovica.

-Sì! Ci credo non ci vedo nulla di male!

-Attenta Violet, non vorrai mica che ti morda!

– Comunque, dove eravamo?

-Ah sì, il lancio del sito.

-No, il brindisi!

-Emilia, ora che siamo tutte… Fai gli onori?

-Ahem attenzione, attenzione tutte! Siamo qui riunite oggi per celebrare l’apertura della nostra redazione, ringrazio tutte per essere venute e bla bla bla vi voglio bene bla bla bla insomma avete capito.

Risate, risate a perdifiato. Mi chiedo quanto possano durare le risate nell’aria. Oh beh, credo che lo scopriremo presto. Non credete anche voi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...